Comprare una cucina nuova è un’esperienza non semplice, soprattutto se si tratta di giovani coppie. Già da qualche mese sfogliate riviste d’arredamento o consultate internet per individuare le tendenze, i materiali e gli elettrodomestici di nuova generazione?

A questo punto avrete una gran confusione piuttosto che idee più chiare, pertanto arriverete dal rivenditore con in testa una gran quantità di nozioni che vorreste applicare al vostro arredamento. È quindi importante, prima di consultare un professionista, operare delle scelte.

Per formare la vostra cucina su misura dovete definire quali sono le vostre necessità, legate al vostro stile di vita, quali le cose più importanti in base ai vostri bisogni attuali e futuri.Qualche semplice consiglio vi aiuterà sicuramente ad individuare la tipologia di cucina giusta per voi.

Osserviamo il prodotto sotto tre punti di vista diversi: lo stile e l’estetica, i materiali, il prezzo.

 

Cucina classica o moderna?

 

La scelta tra una cucina classica o moderna può essere influenzata da vari fattori, tra cui età, zona di residenza, tipologia dell’abitazione. Nella maggior parte dei casi si preferiscono le linee moderne. Dobbiamo però tener conto che numerosi sono i modelli moderni che vengono contaminati da stili classici e viceversa. In pratica possiamo scegliere lo stile che più ci piace, per materiali e colori senza legarci troppo ad un genere.

Tutti i mobilieri propongono modelli classici con ante in legno nelle tinte più tradizionali. Il noce,il ciliegio o il castagno piacciono sempre molto e non passano mai di moda, ma gli stessi modelli vengono fatti anche in avorio o bianco antico poro aperto per dare un’impronta nuova e la possibilità di abbinare tali cucine, dal gusto romantico e caldo anche agli ambienti meno rustici o per creare gradevoli contrasti di colore con i pavimenti in cotto o i travi a vista. Vedi il modello Olivia di Gentili Cucine.

Per chi invece desidera ispirarsi ad un gusto provenzale la cucina mod. Pavese di Veneta Cucine potrebbe far al caso suo. Pavese ha l’anta in massello caratterizzata dal telaio con taglio a 45 gradi e nel colore bianco si integra perfettamente anche negli ambienti moderni, ma è disponibile anche in altre due tonalità e in rovere per un abbinamento più tradizionale.

pavese veneta cucine

Cucina Pavese di Veneta Cucine da venetacucine.com

Le cucine moderne offrono attualmente una gamma molto più vasta di modelli, materiali e finiture. Sono molto versatili in quanto facilmente si possono ottenere effetti diversi a seconda degli abbinamenti dei materiali e dei colori permettendo di ottenere composizioni personalizzabili. Le ante delle cucine moderne possono essere in legno, laccate o in laminato. Da questa suddivisione possiamo però individuare tantissimi sotto generi.

Le cucine moderne possono avere le ante in legno massello con trattamenti che li rendono adatte all’uso in cucina come il il mod. Diesel di Scavolini, ma molto più frequentemente le aziende propongono le proprie cucine con i frontali impiallacciati. L’impiallacciatura è un rivestimento con una lamina in legno che va ad avvolgere il pannello interno in truciolare, materiale assai diffuso. Tale materiale può essere anche laccato,cioè verniciato, in finitura lucida o opaca, oppure può essere rivestito in laminato, una lamina in materiale plastico.

cucina diesel di scavolini

cucina diesel di scavolini

Il laminato può avere aspetti numerevoli, lucidi, opachi, effetto legno o, come proposto recentemente effetto eco malta. Quest’ultima finitura è particolarmente apprezzata perché, oltre ad essere una novità, è anche particolarmente resistente e non delicata. Si presenta con aspetto piuttosto grezzo, pertanto si sposa con ambienti moderni e sofisticati, dandogli un’impronta urban.

Quasi tutti i cucinieri propongono le stesse finiture con la possibilità di utilizzarle con maniglia o senza. Tendenza anche questa molto apprezzata per praticità di pulizia.

 

Quale materiale scegliere per il top?

 

Dopo aver individuato il genere di cucina che fa per voi, il secondo step prevede di scegliere il materiale da utilizzare per il top. Il top, o piano di lavoro, ha una grossa rilevanza dal punto di vista estetico, ma soprattutto dal punto di vista pratico.

Tutti i materiali in commercio utilizzati per i top cucina hanno caratteristiche che li rendono idonei a venire in contatto con i cibi e ad essere puliti con i detergenti comunemente usati in cucina. Li potrete scegliere confrontandoli tra loro in base a quanto tempo passate in cucina e a quanto volete spendere.

I più diffusi sono i top in laminato disponibili in vari colori, lisci o ruvidi.

Sono economici, robusti e facili da pulire perché non assorbono e quindi igienici come i top   antibatterici di Veneta Cucine, che sono anche idroreppelenti e ignifughi. Garantiscono buona durata, ma non sono eterni e possono aver bisogno di essere sostituiti prima di decidere di cambiare cucina, soprattutto nel componente alzatina, il profilo di chiusura che si posiziona in fondo al top appoggiato alla parete.

Da sempre si utilizza il marmo o il granito per ottenere dei piani di lavoro molto robusti e di effetto,soprattutto sulle cucine classiche. La lastra di pietra può avere spessore 2 o 3 cm e lavorata con bordo dritto, toro o semitoro, cioè arrotondato. Gli spessori più importanti da 4 cm in su, invece si ottengono con una scatolatura che impiega la lastra da 2 cm intelaiandola con il legno e materiali di recupero. L’effetto scenico è di grosso impatto e l’impiego non è compromesso.

Marmo e granito sono sostituiti sempre più spesso dal quarzo, perché, a differenza delle pietre naturali non può essere intaccato da acidi come il limone.

I top in agglomerato di quarzo, come Silestone di Cosentino, son composti da più del 90% di quarzo una pietra naturale che gli conferisce caratteristiche di estrema durezza e resistenza. I top in quarzo offrono diversi vantaggi rispetto ai top in pietra naturale, in quanto sono antimacchia, igienici al cento per cento, anti urto e dispongono di numerevoli colori, oltre 90 per Silestone, e finiture diverse opache o lucidi per ottenere infinite combinazioni. Gli spessori e le lavorazioni sono le stesse dei top in marmo o granito.

Più recenti i top in Fenix disponibile in tinta unita opaca, poche ancora le tonalità sul mercato. Può essere paragonato ad un top in laminato per estetica, ma al tatto può risultare più gradevole e, importantissimo, è ripristinabile, quindi si può riportare a nuovo un top graffiato senza sostituirlo o senza chiamare nessun tecnico a casa.

L’acciaio è un’altro materiale apprezzato e con ottime caratteristiche di igienicità, ma ha l’aspetto negativo di essere molto costoso e facilmente graffiabile.

 

Il prezzo

 

Avete già stabilito un budget di spesa per la vostra cucina?

A partire da € 1000,00 potete trovare composizioni bloccate sui 3mt da Mercatone Uno o mondo Convenienza.

Se siete abili nel fai da te Ikea può offrirvi tante idee da realizzare a casa vostra componendo su misura la cucina che fa per voi a prezzi imbattibili con l’inserimento di buoni elettrodomestici sostenendo una spesa contenuta.

Per una cucina completa, in base alle dimensioni, quasi tutte le aziende del settore propongono modelli base che potrete acquistare con una spesa che si aggira attorno a

€ 3000,00.

Con budget dai € 5000,00 in su dovrete solo scegliere quello che vi piace di più.

Inutile dire che la qualità ha il suo prezzo e che se si spende poco, soprattutto per la cucina, non si dovranno avere grosse pretese.

A questo punto abbiamo analizzato alcuni degli aspetti più importanti da valutare per l’acquisto di una nuova cucina che spero vi siano d’aiuto.

Altri componenti, come elettrodomestici, cappe, lavelli e miscelatori verranno illustrati in prossimo articolo, per trovare la combinazione che fa al caso vostro.